Moleskine

Dalla Francia con furore: il caso Moleskine.

Tutti conosciamo molto bene il famoso taccuino letterario, ovvero la Moleskine – di cui vi avevamo già parlato a proposito di Art Journal – ma non tutti forse sanno qual è la sua storia.
Nato come taccuino da viaggio all´inizio del XIX secolo, l´agendina rettangolare di pelle nera dai bordi arrotondati divenne da subito il fedele compagno di ogni artista e intellettuale europeo: Van Gogh le affidava i suoi schizzi dinamici, Oscar Wilde le sue famose frasi pungenti, Picasso il suo modo innovativo di vedere il mondo, Chatwin i primi appunti e poi le grandi opere letterarie. Proprio quest´ultimo dedicò all´amato quaderno una parte nel suo libro “Le vie dei canti”, raccontadone la storia e dandogli il soprannome Mole skin (pelle di talpa)T per il suo colore. Nel 1986 l´unico produttore del taccuino, un piccola stamperia a conduzione familiare nella cittadina francese Tours, chiuse i battenti. Chatwin ne fece scorta, ma presto la Moleskine divenne introvabile.

Vintage d´autore

Ma dopo un decennio, un piccolo imprenditore milanese, Francesco Franceschi – giá ideatore di Parole di Cotone, su ispirazione di Maria Sebregondi, sociologa e traduttrice dal francese di Marguerite Duras e Raymond Queneau – reinventa il “taccuino degli artisti” con il nome letterario di Moleskine, registrandone proprio così il marchio. Dalle librerie di corso Buenos Aires la talpa-fenice risorta dalle ceneri, arriva in sessantuno paesi e il marchio vende circa dieci milioni di pezzi. Tanto che nel 2006, l´azienda italiana produttrice non riesce a stare dietro ai ritmi della domanda e viene acquistata da un´azienda francese – per maggiori informazioni sulla fortuna del marchio leggete qui.

Dalle Alpi a oltre oceano

Tanto vasto é stato il successo e veloce la diffusione, che la “pelle di talpa” è arrivata anche oltreoceano, soprattutto online. Ci sono in America store online autorizzati dal marchio ufficiale che diffondono il feticcio intellettuale europeo anche anche al di la dell´Atlantico. E proprio online è a disposizione la più vasta scelta in assoluto, con la possibilità inoltre di avere le spese di spedizione gratis, grazie a siti come Signorsconto. Da una piccola cittadina francese alla borsa internazionale, questa la forza delle parole in tasca.

POTREBBERO INTERESSARTI
One Response