MoMA “talks” about Aiden Morse

  Tra i mille volti del MoMA su Tumblr, quello “Talks”, che altro non è che un hub di conversazioni, letture, laboratori, ispirazioni e spunti per esplorare il sempre più […]

 

Tra i mille volti del MoMA su Tumblr, quello “Talks”, che altro non è che un hub di conversazioni, letture, laboratori, ispirazioni e spunti per esplorare il sempre più labirintico panorama dell’arte contemporanea, è forse il più interessante e sperimentale.

Tra gli artisti più riproposti e quindi più curiosi, c’è un certo Aiden Morse.

Ha diciannove anni, viene dalla Tasmania e tutti i suoi progetti più riusciti risalgono a quando, di anni, ne aveva diciassette e doveva preparare quello che per noi è l’esame di maturità.

Morse utilizza tutti i mezzi di cui dispone o che contestualmente trova più funzionali, per realizzare opere che spaziano da video a still life a ritratti a installazioni luminose e performance, riuscendo sempre a configurarsi come un artista molto consapevole seppur ancora in fase di affermazione. Del 2011 è la serie “Dislocation”, fotografie statiche a luoghi periferici che giocano su particolari aggiunti dall’artista per invitare gli abitanti a riconsiderare l’ambiente in cui vivono; dell’anno successivo è invece “Stills”, il suo progetto più famoso, che riprende corpi e oggetti essenziali modulati da luci e ombre, a volte “sporche” e naturali, a volte ricreate artificialmente sul set da proiettori; ne esce un mondo oscuro ma fantasioso e postmoderno i cui riferimenti sono tutti cinematografici (le simbologie di Kubrick e lo Spielberg anni Ottanta).

Dell’ultimo periodo sono sperimentazioni più pop: la serie “Pinks/Blues” che ritrae oggetti‐ simbolo della pubertà (rasoi, condom, assorbenti e schiuma da barba), “Mirrors”, installazione di specchi nella foresta e “Signal work”, video a colorati still life in movimento.

I suoi modelli dichiarati? Gli artisti/fotografi americani Todd Hido e Jeff Wall. Ed, in effetti, si vede.

Marta Milasi

Brillante, creativa, ironica (dicono). Amo scrivere racconti e sceneggiature e poi recitarle. Ho studiato per diventare un'attrice teatrale, ma preferisco il cinema. Mi piacciono le fisarmoniche, le città di mare, il giallo, disegnare col carboncino e vedere poesia dove non c'è.

Potrebbero Interessarti

Citazioni pratiche – Fornasetti a Palazzo Altemps

In scena le incursioni artistiche di Piero e Barnaba Fornasetti tra i cortili e le sale del Museo di Palazzo Altemps

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

MADE IN CATTELAND

Maurizio Cattelan invade i gift shop dei musei con MUSEUMS LEAGUE il progetto “art for all” dedicato ai tifosi dell’arte contemporanea

Ultimi Articoli

BAGS

Eastpak presenta i nuovi prodotti per il prossimo Autunno

Novità e collaborazioni presentate al Pitti Uomo 18.

BAGS

Moleskine presenta le nuove collezioni per il nomade urbano

Appuntamento al prossimo inverno per borse e zaini del famoso brand di taccuini

GOURMET

Carrefour Market CityLife

Non solo cibi di qualità, ma una vera e propria esperienza d’acquisto

Top