Fotografia, food e ironia: il caledario Ultrapiatti

Sedersi, ordinare, fotografare, postare. Hashtag foodporn, foodblog, foodblogger. Hamburger quattro strati, insalate colorate, pasticcini deliziosi e torte appena sfornate. Cene minimali, pranzi pantagruelici, micro porzioni e migliaia di mi piace […]

Sedersi, ordinare, fotografare, postare. Hashtag foodporn, foodblog, foodblogger.
Hamburger quattro strati, insalate colorate, pasticcini deliziosi e torte appena sfornate.
Cene minimali, pranzi pantagruelici, micro porzioni e migliaia di mi piace e condivisioni.
Se poi a metterci il là finale c’è un evento come l’Expo, il dato è ancora più certo: il 2015 è stato l’anno del food.

LB0A7653_2

Piatti d’autore, da quelli stellati Michelin a quelli mediatici Masterchef, hanno ispirato tanti piatti d’amatore, quelli dei non professionisti, quelli di coloro che in cucina si cimentano con amore, coraggio, qualche pentola bruciata e annessa scottatura riportata.
Migliaia di creazioni di più o meno successo, che a loro volta hanno ispirato un’altra tipologia di piatti, non da mangiare ma da vedere e su cui pensare.
Tra ironia e fotografia nascono gli Ultrapiatti, 12 scatti raccolti in un calendario, quello per l’anno che verrà, in cui il cibo è unito ad oggetti del vivere quotidiano in dissacranti giochi visivi e abbinamenti surreali.
Il concept del progetto, elaborato dai due fotografi Paolo Belletti e Marco Disarò, era quella di dare una visione dissacrante e sarcastica del mondo food, che con tutta l’hype che gli ruota attorno rischia davvero di prendersi troppo sul serio. A completare l’opera, la collaborazione con lo chef Nicola Cavallaro del Ristorante “Un posto a Milano”, che ha ideato per ogni foto ricette e aneddoti raccolti in divertenti note culinarie a margine.
Realizzato su carta riciclata e a tiratura limitata, il calendario Ultrapiatti può essere il regalo natalizio perfetto sia per tutti gli amici che “prima il selfie con il panino e poi mangio”, sia per tutte le mamme della tradizione, quelle con grembiule, farina e passione.

27_nov_20_02

zucca CERA

foto n┬░-15_41

27_nov_20_11

LB0A45631_bis

Oltre ad “Ultrapiatti”, tutte le collaborazioni e i progetti dei due fotografi Paolo Belletti qui e di Marco Disarò qui.
Uno sguardo anche a “Un posto a Milano”: cucina, bar e foresteria nello spazio culturale “Cascina Cuccagna”, dove lo chef Cavallaro delizia palati e racconta storie.
Lettering e grafica a cura di Moby Dick Adv, agenzia pubblicitaria di base tra Milano e Padova.

Maddalena Ciesa

Mi occupo di comunicazione sul web, per passione e per lavoro.
Leggere e raccontare di moda sono il mio pane quotidiano, mettici anche una buona colonna sonora in un contesto di design dallo styling curato.
Per comunicati stampa o se hai un progetto interessante: maddalena.ciesa@gmail.com

Potrebbero Interessarti

Inside Tangier: un tour delle case più belle di questo luogo pieno di fascino

L’interior designer Nicolò Castellini Baldissera unisce le forze con il fotografo di moda ed interni Guido Taroni

L’ARTE CONTEMPORANEA VINCE CON IL PREMIO FABBRI

Nella splendida cornice di Villa Brandolini di Pieve di Soligo

The Touch – Il buon design coinvolge tutti i sensi umani

La collaborazione tra Nathan Williams (fondatore della rivista Kinfolk) e Jonas Bjerre Poulsen (dello studio Norm Architects)

Ultimi Articoli

ARCHITECTURE

Case di legno per ogni stile e design

Un nuovo concetto di edilizia sostenibile e accogliente

DESIGN

Inside Tangier: un tour delle case più belle di questo luogo pieno di fascino

L’interior designer Nicolò Castellini Baldissera unisce le forze con il fotografo di moda ed interni Guido Taroni

DESIGN

BREDA Watches

Funzionalità e design al polso

Top