Parrot Pot

Non ci sono più scuse, sia che abbiate il pollice verde sia che siate «killer» di piante, Parrot Pot è perfetto per voi!

Per chi ha già il pollice verde, ma soprattutto per chi non riesce proprio a risollevare le sorti di un rapporto conflittuale con le proprie piante, Parrot ha pensato ad uno strumento che sembra risolvere molti dubbi ed errori comuni. Parrot Pot è il vaso wireless intelligente (per uso interno o esterno) in grado di prendersi cura delle vostre piante in autonomia, adattandosi alle loro esigenze, e liberandovi da molti pensieri (se non quello di “ricaricare” il vaso con l’acqua una volta al mese).
Grazie a quattro sensori, Parrot Pot misura, in tempo reale e con precisione, i dati essenziali alla buona salute della pianta, come umidità del terreno, fertilizzante, temperatura ambientale e intensità della luce.

in-situ-BD

Parrot Pot si collega tramite Bluetooth Low Energy all’app dedicata Parrot Flower Power (per smartphone o tablet iOS e Android) con la quale si può agire sulla pianta, ad esempio gestendo l’irrigazione, verificare i parametri per una corretta crescita e il livello della riserva d’acqua (il tutto a seconda della specie che avete deciso di piantare in Parrot Pot, c’è un vastissimo elenco tra cui scegliere). Inoltre l’app dà accesso a moltissimi contenuti e consigli degli esperti per la cura della piante.

parrotpot_waterjets

Grazie all’app l’utente può consultare in tempo reale i dati raccolti per ciascuna pianta gestita cliccando sull’icona corrispondente a ogni parametro, che apparirà di colore verde (va tutto bene), arancione (da monitorare) o rosso (è necessaria un’azione immediata).

4.Parrot Pot_Packaging 2

Noi lo stiamo provando, la gestione è davvero completa ed è davvero divertente monitorare tutti i valori di crescita della pianta attraverso l’app. Inoltre quando andremo in vacanza non dovremo più chiedere ad amici o parenti di innaffiare la nostra pianta più delicata, Parrot pot è in grado di gestire l’annaffiatura della piante in autonomia per un mese grazie alla modalità “Plant Sitter” e mantenere in vita la pianta regolando la quantità d’acqua che riceve.

POTREBBERO INTERESSARTI
Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *