La nuova scuola italiana: BURRO STUDIO

Federica Caserio e Giovanni Manzini sono l’anima creativa di BURRO STUDIO. In viaggio costante fra Milano e Verona, navigano fra branding, t-shirt ed eventi esotici.

Fondato nel 2015, BURRO STUDIO è uno studio di comunicazione focalizzato principalmente su branding e graphic design. Federica e Giovanni si sono spinti oltre, trasformando BURRO STUDIO in un brand vero e proprio. BURRO STUDIO rappresenta, in qualche modo, una generazione che ha poco tempo per riflettere per non farsi sommergere e affogare dall’infosfera. Allora decide di salire su una bicicletta, “prendere” un pezzo di strada, scrollare su Instagram, mettere tutto dentro un frullatore e provare, finché non trova la ricetta giusta. Giusto o sbagliato che sia, oggi funziona anche così. Con lo smartphone sempre in mano in attesa della prossima ispirazione, Federica e Giovanni hanno risposto alle nostre domande, a modo loro.

Nelle puntate precedenti, abbiamo intervistato Astrid Luglio e Giorgia Fiore.

Sono mesi frenetici per voi: dopo qualche anno di “preparazione”, avete fatto il salto lanciando ufficialmente lo studio. E subito dopo una delle vostre t-shirt, il medium col quale vi state esprimendo di più, è finito addosso a Chiara Ferragni. Mi raccontate un po’ cosa sta succedendo a Burro Studio?

Succede che dalla cameretta di casa nostra abbiamo finalmente uno spazio a Milano. Succede che qui succedono un sacco di cose. Tante collaborazioni, molti nuovi clienti, alcuni eventi, insomma tanta Milano. Loghi, immagine coordinata, siti web, art direction e social sono sempre il nostro piatto di pasta: lo facciamo tutti i giorni. Poi c’è il merchandising, c’è la moda, e il clubbing. Ci sono tanti progetti per il futuro, non solo per Milano e non solo per il design. Insomma succede che Burro Studio ha un sacco di energia.
Ah, e poi un giorno è successo che Chiara ci ha chiesto una Googlami taglia M e siamo volati ad Ibiza in un giro di stories.

BURRO STUDIO

A post shared by Burro Studio (@burrostudio) on


Per l’evento di lancio ci avete dato appuntamento in un baracchino filippino in Parco Sempione a Milano: in che modo vi ha rappresentati questo evento? Che valori c’erano dentro che ritroviamo nel vostro lavoro e direi nell’attitudine col quale interpretate la vita?

Dovete sapere che abbiamo origini filippine.
Scherziamo. Ecco, il punto è proprio questo, dovete sapere – ma sicuramente l’avrete intuito – che siamo easy e presi bene. Quindi un giorno ci siamo innamorati del creme caramel homemade, dei tavoli Algida sotto le fresche frasche di Parco Sempione e naturalmente di Antonio. Da lì a fare di Halo Halo la nostra base ideale per il lancio dello spazio di Milano il passo è stato breve. Viva il mango!

BURRO STUDIO BURRO STUDIO BURRO STUDIO BURRO STUDIO BURRO STUDIO BURRO STUDIO

Ma soprattutto: avete deciso cosa volete fare? Siete uno studio di graphic design ma vi definiremmo più come agitatori culturali. Dove volete arrivare? Quali sono i vostri sogni?

Agitatori culturali? Wow. Allora siamo sulla strada giusta.

Ci raccontate due o tre progetti che vi stanno a cuore?

Cerchiamo di dare il massimo in ogni nostro progetto, ma il cocco di mamma è Merenda Club: il side project di Burro Studio, una zona franca in cui confrontarsi e lavorare gomito a gomito con altri artisti e designer o chi ne abbia voglia. Progetti auto commissionati, concept, insomma una fucina di idee. Sarà anche per questo che quella maglia e quel rosa hanno fatto innamorare un po’ tutti.

BURRO STUDIO BURRO STUDIO BURRO STUDIO BURRO STUDIO BURRO STUDIO BURRO STUDIO

Perché Burro Studio?

Perché no? Con il burro è tutto più buono.

BURRO STUDIO

Siete una coppia di fatto, ma non in quel senso: in che modo vi completate e in cosa siete assolutamente diversi? Litigate?

Dall’amicizia è nato un lavoro, ma è l’amicizia che è sempre lì a darci la spinta giusta e l’ispirazione per fare le cose al meglio. Su tante cose siamo sulla stessa lunghezza d’onda, però in altre siamo molto diversi: ad esempio, Gio non usa l’eyeliner. E sì, ogni tanto litighiamo ma meno male!

Cosa v’ispira? Quali libri, film, dischi vi rappresentano e ci consigliereste? Cosa state leggendo, vedendo, ascoltando ora?

A rischio di sollevare un malcontento generale nel fervente substrato culturale contemporaneo possiamo dire che la nostra fonte di ispirazione più grande è l’Internet. Volete mettere i meme?! Scherzi a parte, oggi gran parte della nostra cultura nasce e si muove nell’etere.
E poi tanta buona musica, dall’indie alla techno passando per Sfera senza temere nessuno.

BURRO STUDIO

Quale sarà la prossima tee?

Te la teniamo da parte? Taglia?

www.burrostudio.com

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica.

I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

Tediber, il comfort si ordina online

Un materasso dal prezzo competitivo e prestazioni hi-tech, in una nuova esperienza di acquisto

Cacti Planters, i vasi per cactus ispirati a Frida Kahlo

Progettati da Anki Gneib per il brand svedese Nola

ECO Design: le nuove tendenze green

Materiali e processi a servizio dell’ambiente

Ultimi Articoli

EVENTS

Parte oggi il Maker Faire Rome – The European Edition

Dal 12 al 14 ottobre Roma è al centro del dibattito sull’innovazione

ARTS

Banksy ha distrutto una delle sue opere più famose

Non che ci fosse bisogno di conferme, ma l’artista (o il collettivo?) inglese ha di nuovo stupito il mondo. Come? Distruggendo una delle sue opere iconiche, non appena era stata battuta all’asta da Sotheby’s.

EVENTS

Timberland UNLOCK THE CITY

Timberland lancia la sue nuova sneaker Cityroam, trait d’union fra il classico boot e i dettagli più innovativi per l’outdoor, e lo fa in grande stile lanciando il progetto Unlock the City, con un grande evento a Milano.

Top