Rafael Rozendaal from net culture.

Rafael Rozendaal è sicuramente uno dei personaggi più controversi del web 2.0; in molti potrebbero criticare aspramente i suoi lavori e catalogarli come semplici frutti di una mente infantile in […]

Rafael Rozendaal from net culture.

Rafael Rozendaal è sicuramente uno dei personaggi più controversi del web 2.0; in molti potrebbero criticare aspramente i suoi lavori e catalogarli come semplici frutti di una mente infantile in grado di saper utilizzare Flash e qualche altro programmino. Forse queste voci hanno ragione o forse sono in pochi a captarne davvero la linfa, un’essenza rappresentata da una miscela esplosiva tra digital art a pop culture.

Le sue opere partono da componenti interattive (suoni o immagini innescate dai movimenti del mouse) fino ad altre più sperimentali prive dell’interazione con l’utente (come ad esempio le gif animate).

Rafael ha una chiara idea del web, considerandolo un posto infinito in cui l’unica cosa finita è rappresentata dai domini. Un tale concetto è applicato alla perfezione dall’artista che rende le sue opere completamente “free” ma allo stesso tempo mette in vendita i loro domini per garantirne l’esclusività. Un genio. newrafael.com

One thought on “Rafael Rozendaal from net culture.”

Comments are closed.

Potrebbero Interessarti

Caleidoscopica, l’arte di Olimpia Zagnoli

Il libro accompagna l’omonima mostra personale dell’artista, curata da Melania Gazzotti, presso i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Be a rainbow maker for someone else

Meno di una settimana di tempo e la propria sede a disposizione. Questi i termini della call dedicata ai makers, lanciata da GAS sui social per supportare i talenti.

Little People Big Dreams

La collana di monografie per scoprire i sogni dei bambini che fanno di tutto per realizzarli

Ultimi Articoli

DESIGN

Design Letters, la storia dietro una semplice idea

Il sogno, diventato business, di Mette Thomsen

DESIGN

Moooi Hortensia Armchair

Nata da un progetto digitale, la nuova poltrona di Moooi è diventata reale ed è stata presentata a Milano.

KIDS

ooh noo, pensata in Europa, prodotta in Slovenia

Tradizione artigianale per una ampia collezione di giochi in legno e tessili per la casa

Top