MoMA “talks” about Aiden Morse

  Tra i mille volti del MoMA su Tumblr, quello “Talks”, che altro non è che un hub di conversazioni, letture, laboratori, ispirazioni e spunti per esplorare il sempre più […]

 

Tra i mille volti del MoMA su Tumblr, quello “Talks”, che altro non è che un hub di conversazioni, letture, laboratori, ispirazioni e spunti per esplorare il sempre più labirintico panorama dell’arte contemporanea, è forse il più interessante e sperimentale.

Tra gli artisti più riproposti e quindi più curiosi, c’è un certo Aiden Morse.

Ha diciannove anni, viene dalla Tasmania e tutti i suoi progetti più riusciti risalgono a quando, di anni, ne aveva diciassette e doveva preparare quello che per noi è l’esame di maturità.

Morse utilizza tutti i mezzi di cui dispone o che contestualmente trova più funzionali, per realizzare opere che spaziano da video a still life a ritratti a installazioni luminose e performance, riuscendo sempre a configurarsi come un artista molto consapevole seppur ancora in fase di affermazione. Del 2011 è la serie “Dislocation”, fotografie statiche a luoghi periferici che giocano su particolari aggiunti dall’artista per invitare gli abitanti a riconsiderare l’ambiente in cui vivono; dell’anno successivo è invece “Stills”, il suo progetto più famoso, che riprende corpi e oggetti essenziali modulati da luci e ombre, a volte “sporche” e naturali, a volte ricreate artificialmente sul set da proiettori; ne esce un mondo oscuro ma fantasioso e postmoderno i cui riferimenti sono tutti cinematografici (le simbologie di Kubrick e lo Spielberg anni Ottanta).

Dell’ultimo periodo sono sperimentazioni più pop: la serie “Pinks/Blues” che ritrae oggetti‐ simbolo della pubertà (rasoi, condom, assorbenti e schiuma da barba), “Mirrors”, installazione di specchi nella foresta e “Signal work”, video a colorati still life in movimento.

I suoi modelli dichiarati? Gli artisti/fotografi americani Todd Hido e Jeff Wall. Ed, in effetti, si vede.

Marta Milasi

Brillante, creativa, ironica (dicono). Amo scrivere racconti e sceneggiature e poi recitarle. Ho studiato per diventare un'attrice teatrale, ma preferisco il cinema. Mi piacciono le fisarmoniche, le città di mare, il giallo, disegnare col carboncino e vedere poesia dove non c'è.

Potrebbero Interessarti

Swatch omaggia l’arte con una collaborazione con il Centre Pompidou

Sei capolavori rielaborati sotto forma di splendidi orologi

New York by New York

Il libro della casa editrice Assouline è un tributo alla cultura newyorkese, attraverso gli occhi esperti e le immagini iconiche dei principali fotografi degli ultimi anni

Q-ART code di Moaconcept

Un inedito progetto NFT per supportare gli artisti emergenti

Ultimi Articoli

DESIGN

Arredo da esterno per vivere l’estate a casa con stile

A volte non c’è vacanza più bella di quella a casa propria, soprattutto quando si hanno spazi all’aperto arredati e illuminati con stile e in armonia con l’ambiente.

TECH

Nuovi colori per i Beats Studio Buds

Gli auricolari true wireless perfetti per la bella stagione

FASHION

Views of Mount Kilimanjaro, la nuova collezione di Mini Rodini

L’ispirazione per la primavera/estate è il maestoso monte Kilimanjaro, gli animali che vivono con la montagna come sfondo, e la flora sorprendente che lo circonda.

Top