L’arte di Jimmy Edgar al Tunnel di Milano

Producer, polistrumentista, grafico, fotografo di moda. È difficile trovare un campo in cui Jimmy Edgar non riesca a dire la sua personalissima opinione, con una distinguibile miscela di stile e […]

Producer, polistrumentista, grafico, fotografo di moda. È difficile trovare un campo in cui Jimmy Edgar non riesca a dire la sua personalissima opinione, con una distinguibile miscela di stile e qualità. Nato a Detroit, a quindici anni è stato catapultato nella realtà decisamente istruttiva dei rave, nei quali ha condiviso la console con alcuni maestri come Juan Atkins, Derrick May e Kevin Saunderson.

JIMMY EDGAR

Dicevamo, uno stile distinguibile. L’ultima fatica, il disco Majenta, lo testimonia appieno, coi suoi pezzi robo-pop dalla spiccata sensualità, ed un’ispiratissima artwork da lui stesso progettata. Da non perdere anche la sua collaborazione con Machinedrum, sotto il nome di Jets, con il quale ha all’attivo un EP ed ha fondato l’etichetta Ultramajic, coerente trasposizione dell’eclettismo di Jimmy. Che, non lo nasconderemo, è uno dei nostri personali idoli, una personalità decisamente in linea con lo spirito del tempo.


Per questo fremiamo per ascoltarlo in quella che possiamo considerare come una seconda casa – il Tunnel di Milano – all’interno della programmazione di Le Cannibale. L’appuntamento è sabato 15 marzo. Con Jimmy, un ispiratissimo Uabos, reduce da un apprezzatissimo dj set con Shlohmo, e Protopapa.

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica.

I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

One thought on “L’arte di Jimmy Edgar al Tunnel di Milano”

Comments are closed.

Potrebbero Interessarti

AW LAB STYLE ACADEMY POWERED BY ADIDAS ORIGINALS

4 masterclass per mostrare il proprio stile e la propria creatività

#REDENTORE2019

Storia e Suggestioni per la festa più spettacolare dell’Estate: il Redentore di Venezia. Swatch in laguna rinnova il suo legame con la Biennale.

Fuck Normality 2019

Fuck Normality nasce in Salento e da qualche anno ormai ha il suo epicentro al Sudestudio di Guagnano, studio di registrazione immerso fra gli ulivi secolari.

Ultimi Articoli

DESIGN

8 e Mezzo

L’azienda pugliese ridefinisce il lusso in maniera sostenibile

DESIGN

Le borse modulari Packbags

Possono essere facilmente assemblate o smontate seguendo lo stile del consumatore

CYCLING

Le biciclette Banwood

Design contemporaneo con un tocco di fascino retrò, influenzato dal design scandinavo

Top