Esplora in anteprima Art Basel 2014 su Artsy

Perchè l’arte è meno popolare della musica pop? Perchè grandi nomi come Damien Hirst e Jeff Koons sono ancora sconosciuti ad una grande fetta della popolazione – almeno – italiana? […]

Perchè l’arte è meno popolare della musica pop? Perchè grandi nomi come Damien Hirst e Jeff Koons sono ancora sconosciuti ad una grande fetta della popolazione – almeno – italiana? Il motivo sta nella fruibilità. La ridotta accessibilità all’informazione sull’arte da parte del grande pubblico rende la conoscenza e la comprensione di uno squalo in formaldeide roba da accademici ed il mondo dell’arte un’affare da élite. Di contro, ogni giorno scarichiamo ed ascoltiamo musica online e mantenersi aggiornati sulle novità musicali non è complicato. Siamo quotidianamente bombardati da suoni ed immagini in condivisione.

kueng-caputo-chairs-2014-02

Artsy vuole risolvere questo dilemma. La piattaforma online nata a New York nel Settembre 2012 ad opera di Carter Cleveland, ha la missione di diffondere la conoscenza sull’arte attraverso il web e in maniera democratica. Unico limite: una connessione internet. Il risultato è una vastissima enciclopedia online sull’arte contemporanea dove l’intero mondo dell’arte (artisti, gallerie, opere e così via) viene esplorato e messo in condivisione con il grande pubblico.

1400138818.8857_115_o

Allo stesso modo, Artsy cerca di rivoluzionare la fruizione dello stesso mercato dell’arte. Dopo avere condiviso immagini, prezzi, nomi ed informazioni utili sull’Armony Show di NY, questa volta è possibile visitare la più nota fiera d’arte contemporanea Art Basel (19-22 Giugno) e il Design Miami/Basel (17-22 Giugno) in anteprima sulla piattaforma.

Art Basel on Artsy 1

Il grande evento considerato “l’Olimpiade dell’arte” è approfondito attraverso editoriali, gallery e percorsi curati dai grandi esponenti del mondo dell’arte. Il tutto a portata di smartphone.

Art Basel on Artsy 2

Se la maggior parte dei prezzi delle opere d’arte presenti nella collezione di Artsy non è del tutto “accessibile” ai più, quel che è certo è che con questo strumento avremo sempre un posto in prima fila nel sempre meno elitario mondo dell’arte.

Federica Sfregola

Da piccola sognava di diventare un'archeologa, ma molto presto ha capito che il "vecchio" non faceva per lei. L'arte, invece, le è rimasta tra le vene. Appassionata di creatività, trascorre troppo tempo a navigare nel web cercando novità (artistiche, musicali, cinematografiche, modaiole) ascoltando SOLO musica indipendente. Le piace il decollo degli aerei, la luce che filtra tra i rami degli alberi e gli Arcade Fire. Non le piace chi la chiama "cara", il disordine e la parola "ormai".

Potrebbero Interessarti

Il mondo incantato dei vetri di Pierre Rosenberg

Un favoloso destino per una straordinaria collezione, tra Venezia e Parigi

Caleidoscopica, l’arte di Olimpia Zagnoli

Il libro accompagna l’omonima mostra personale dell’artista, curata da Melania Gazzotti, presso i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Be a rainbow maker for someone else

Meno di una settimana di tempo e la propria sede a disposizione. Questi i termini della call dedicata ai makers, lanciata da GAS sui social per supportare i talenti.

Ultimi Articoli

DESIGN

WOOD-SKIN Fold Panels

L’azienda italiana Wood-Skin lancia una nuova collezione di rivestimenti per parete in legno che giocano con luci e ombre.

FASHION

TIMBERLAND x EASTPAK

Sostenibilità, resistenza, autenticità

DESIGN

Entusiasmare grandi e piccoli: il DNA di Janod da 50 anni

Giocattoli semplici ed essenziali per lo sviluppo del bambino

Top