BITUME PHOTOFEST 2015

È sempre bello tornavi a parlare della seconda edizione di un festival. In effetti, molti non sopravvivono più di 12 mesi, ma questo non è il caso di BITUME PHOTOFEST, […]

È sempre bello tornavi a parlare della seconda edizione di un festival. In effetti, molti non sopravvivono più di 12 mesi, ma questo non è il caso di BITUME PHOTOFEST, il primo festival urbano di fotografia contemporanea del Sud Italia. L’edizione 2015, organizzata da POSITIVO DIRETTO, si svolgerà a Gallipoli dal 19 al 27 settembre, un’occasione per riabilitare una terra forse troppo martoriata dal turismo di massa. Se volete saperne di più sulle origini, potete rileggere la nostra intervista, di un anno fa, agli organizzatori.

bitume

Il tema di quest’anno si riassume nel titolo “Rural Layers”, per sottolineare e suggerire una riflessione intorno alla mutazione del paesaggio contemporaneo e dei suoi aspetti identitari.
Il festival si comporrà, come l’anno scorso e come suggerisce la definizione di “festival urbano”, di una sezione all’aperto, composta da stampe di grandi dimensioni dislocate nel centro storico di Gallipoli, i cui autori sono autori internazionali selezionati e gli artisti che hanno preso parte alla Bitume Photofest Serre Salentine, la residenza artistica che si è svolta alla fine di Agosto.
Ci sarà spazio anche per approfondimenti al chiuso, all’interno di alcuni contenitori culturali all’interno del centro, che daranno spazio ai progetti di 10 artisti internazionali selezionati tramite call (con più di 150 candidature).

Dalla serie The New Yorker di Robert Herman, ospite del festival e docente di un workshop
Gallipoli_1
Gallipoli_2
Jan Stradtmann al lavoro durante la residenza Bitume Photofest Serre Salentine
Una foto di Gianpaolo Arena dal progetto My Vietnam
Uno scatto di Iacopo Pasqui immortala Gianpaolo Arena all'opera

Secondo i creatori di Bitume, il format del festival è ideale per diffondere la cultura fotografica, sfruttando lo spazio “naturale” e a cielo aperto della città per sovvertire la logica espositiva classica. Proprio per questo l’inaugurazione sarà declinata attraverso una passeggiata inaugurale fissata il 19 settembre.
Non mancheranno anche appuntamenti laboratoriali, come il workshop di Robert Herman, fotografo americano, dal 19 al 21 settembre; una sezione speciale dedicata all’editoria, Bitume Photobook, aperta dal 23 al 25 settembre; una serata, quella del 26 settembre, dedicata a fotografia e cibo secondo il format Slideluck (Slideshow + Potluck), un momento di incontro fra fotografi, curatori, collezionisti ed editori, concepito per svolgersi in un’atmosfera rilassata (fra musica live e cibo), nel quale verranno mostrati i progetti selezionati e alcuni appartenenti all’archivio internazionale Slideluck proiettati in slideshow.

Il programma completo e la mappa delle esposizioni sono disponibili sul sito di Bitume.


Bitume Photofest
19-27 settembre 2015
Gallipoli (LE)

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica.

I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

Caleidoscopica, l’arte di Olimpia Zagnoli

Il libro accompagna l’omonima mostra personale dell’artista, curata da Melania Gazzotti, presso i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Be a rainbow maker for someone else

Meno di una settimana di tempo e la propria sede a disposizione. Questi i termini della call dedicata ai makers, lanciata da GAS sui social per supportare i talenti.

Little People Big Dreams

La collana di monografie per scoprire i sogni dei bambini che fanno di tutto per realizzarli

Ultimi Articoli

DESIGN

Hevea, il design danese incontra la gomma naturale

Progettare per i più piccoli, con un occhio alle sorti del pianeta…

KIDS

Kindsgut, giocattoli attraenti e di valore educativo

Pensati per l’infanzia, il periodo più prezioso della vita

KIDS

Pinch Toys, giocattoli eco-friendly

Fatti per durare nel tempo, morbidi e leggeri al tatto, e con il profumo del legno appena raccolto nei boschi della Croazia

Top