Technology for Arts. An Innovation in the Art World.

Un software per il mondo dell’arte

Esiste un Software all’avanguardia creato ad hoc per cultori e lavoratori nel mondo dell’Arte. Si chiama SpeakArt, e si prospetta avere una fenomenale portata innovativa. Con l’idea che “l’arte parla da sola”, è questo ad auspicarsi Angelica Maritan, CEO & founder del software che, dopo una decennale esperienza da ingegnere in cantieri e multinazionali, è diventata Business and Life Coach di se stessa.

Angelica Maritan a New York. Founder & Ceo di SpeakArt

L’idea di sviluppare una tecnologia che potesse arrivare all’identificazione di un’opera d’arte solo tramite scansione fotografica, allegandovi tutti i dati, documenti, certificati sensibili, creandone una vera impronta digitale, nasce dall’esigenza di fare chiarezza nel mercato artistico. Una sera, dopo una cena in casa, si trova sul divano con il padre, appassionato e collezionista d’arte, a chiacchierare sulle costanti difficoltà a reperire informazioni, in modo subitaneo e dettagliato, su opere di arte contemporanea della sua raccolta. Qui nasce l’idea. C’è poco spazio per sogni e ripensamenti poiché Angelica, donna concreta e volitiva, impiega due anni per la creazione di un programma che possa risolvere gli eterni problemi irrisolti su questioni di autenticità, rilevamento danni pre e post spostamento/prestito ma anche fornire un database in continuo aggiornamento per la catalogazione delle opere. Vince il bando per miglior progetto innovativo nel 2018. A seguire lavora sulla sua fisionomia, personalità, e per progettarne il lancio, nel 2019.

Solo al pensiero di avere uno scrigno digitale in cui reperire tutte le informazioni su opere d’arte, senza dovermi recare sempre alla fonte, mi fa sperare, parola di storica dell’arte. Per quanto riguarda l’autenticità, penso alla futura impossibilità di riproduzioni in ambito contemporaneo, ma anche alla configurazione che viene data ad un opera inserita all’interno del database, una volta riconosciuta dall’esperto, al quale non si sottrae nessun compito, anzi lo si facilita per la raccolta dei materiali. Sui danni, facilmente riconoscibili dal software perche l’impronta digitale dematerializzata è in grado di percepire ogni tipo di modifica riportata sull’opera, la garanzia è massima per il prestatore, così come per le compagnie assicurative.

Plessi, Progetto su carta, collezione privata. La storia di ogni opera sarà condensata nella sua scheda virtuale.

In più, non appena nascerà l’app mobile, sarà possibile fare una fotografia all’opera con lo smartphone che, tramite scansione, permetterà di scaricare tutti i dati inerenti in tempo reale, facilmente consultabili da qualunque piattaforma.Bisogna che si crei una rete informatica che renda massimo il potenziale dell’applicazione, e di conseguenza la fruibilità dell’arte, da parte di tutti. Ricercatori, storici, studenti, collezionisti, galleristi, registrar. Non meno gli artisti viventi, che avrebbero uno spazio privilegiato per veder crescere la loro opera, totalmente assicurata nella sua unicità, grazie anche alla possibilità di digitalizzazione della firma.Il mondo dell’arte, composto da curiosi, appassionati, esperti e tecnici, stava aspettando un’avanguardia come questa, ora SpeakArt deve solo divenirne parte integrante.

Berlingeri, collezione privata

http://www.speakart.it

Carolina Trupiano Kowalczyk

Storico dell’Arte moderna nei temi della critica, collezionismo, grafica e pittura del Settecento. Laureata presso l’Università Cà Foscari con una specializzazione sulla veduta e paesaggio, vive e lavora a Venezia, dopo anni di esperienze tra l’Italia e Parigi, presso il Musée Jacquemart-André (2012), il dipartimento di pittura del XVIII secolo del Musée du Louvre (2016), il progetto di ricerca e apprendistato al Museo Fortuny (2017), la borsa di studio presso la Bibliothèque Nationale de France (2018). Attualmente segue un progetto di ricerca su Gaspar Van Wittel, artista sul quale ha tenuto una conferenza presso la Reggia di Caserta (gennaio 2020), una lezione all’Università di Roma La Sapienza (maggio 2020), e che è oggetto del Dottorato di Ricerca (ottobre 2020).
Con un occhio sempre attento al dettaglio, al bello, al particolare, che la distingue nel carattere e nei modi, affinato nelle città in cui ha vissuto, sperimentato, amato, e che vuole raccontare, condividere, e far riamare nei loro lati più affascinanti e fascinosi. Appassionata viaggiatrice e scrittrice, amante dell'healthy in tutte le sue forme, la sua vita si sviluppa attorno all’arte e alla bellezza, visitando mostre e collezioni private, archivi e musei, scrivendo recensioni, seguendo aste internazionali, interessandosi al design e lifestyle, temi su cui scrive nelle riviste Exibart e The Yellow Gloves Mag.


Instagram: Karolka.ina

Potrebbero Interessarti

Il mondo incantato dei vetri di Pierre Rosenberg

Un favoloso destino per una straordinaria collezione, tra Venezia e Parigi

Caleidoscopica, l’arte di Olimpia Zagnoli

Il libro accompagna l’omonima mostra personale dell’artista, curata da Melania Gazzotti, presso i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Be a rainbow maker for someone else

Meno di una settimana di tempo e la propria sede a disposizione. Questi i termini della call dedicata ai makers, lanciata da GAS sui social per supportare i talenti.

Ultimi Articoli

DESIGN

Riccio Caprese

Arte, design, e un pizzico di Capri

DESIGN

Il design scandinavo di UMAGE

Si ispirano alla natura, alle sue linee organiche, e all’armonia che si trova nei paesaggi nordici

DESIGN

Arredamento casa. I trend del 2021

Alcune idee per dare un tocco originale agli ambienti

Top