INSIEME, ristorante mid-range dinamico Milanese

La cucina di mercato di Federica Caretta e Alessandro Garlando

Arrivato in taxi alle 13. Nonostante avessi detto il civico giusto nè io nè il tassista l’abbiamo trovato.
Dopo un paio di su e giu per la strada ho chiamato un’amica (Francesca n.d.r.) che mi aspettava all’interno che si è affacciata indicandomi qual’era la porta. Insomma un ristorante molto discreto dall’esterno, almeno di giorno.
Come zona siamo in una viuzza a senso unico vicino alla fermata M1 Pagano. Entro e l’atmosfera è molto rilassante, dato l’orario non è affollato, la giornata soleggiata risalta i colori pastello rosa e blu delle pareti. Il legno di abete dei tavoli dona un tocco di nordico e i dettagli dei muri lasciati grezzi richiamano leggermente un ambiente industrial senza dare fastidio.
In fondo una interessante bottigliera-libreria che copre gran parte della parete.
I tavoli si sviluppano lungo le vetrine lato strada, la cucina e a vista dietro un vetro fronte ingresso. Ci sono anche alcuni sgabelli con vista cucina per i più food-nerd.

Siamo ad un business lunch e ci sediamo. Essendo li per un consiglio di un’amica, non so cosa aspettarmi. Qualcosa di nordico? Qualcosa di marittimo? Qualcosa di nordico marittimo?
Ci sediamo e dopo poco arriva il menù che ci viene spiegato (avevo prenotato la mattina e mi avevano detto che il menu pranzo era diverso dalla cena e mi avevano inviato la rispettiva foto n.d.r.) molto minimal un foglio per il food e uno per il vino su un portablocco ricavato da un foglio in legno e una pinza. Ci suggeriscono un antipasto con mix salse, pane, olio e alici tipo del cantabrico ma italiane, limone e burro che ci convincono subito. Ordiniamo poi delle bowls con riso, salmone e qualcos’altro.
L’attesa è rilassata, dato l’ambiente informale. Le posate sono poggiate su un tovagliolo bianco con un bordo decorato blu e i raggi del sole di mezzogiorno incalzano sul tavolo in legno chiaro.

*photobombing della mano di Francesca

Arrivano subito le alici cosparse di limone con burro a parte. Dato l’accostamento mi viene in mente il risotto limone acciughe e cioccolato di Cracco, che ho provato a fare una volta con risultati pessimi viste le facce di coloro che l avrebbero dovuto mangiare.
Le acciughe sono buone, vanno via presto, le salse pure, il pane credo fatto in casa con un lievito madre ci sta. Arrivano le bowls. Molto ciotole pokè in stile hawaiano con riso sotto e salmone marinato mango (purtroppo difficile trovarlo maturo) dei fagioli verdi, buono mangiato tutto.
Belli i piatti e le ciotole decorati semplici in pennellate blu.
Arriva il dolce, un plumcake. Lo assaggio ma non saprei decantarne né le doti né i difetti. I miei commensali lo finiscono quasi tutto.

*foto volutamente sfocata così andate a vedere con i vostri occhi

Tutto molto ottimo, anche perchè il business lunch era offerto. Da ritornare la sera con il menu esteso che sembra essere più caratteristico e che esprime meglio lo spirito mediterraneo della cucina, complimenti ai fondatori che leggo essere il milanese Alessandro e la pugliese Federica (entrambi presenti rispettivamente in cucina e al servizio n.d.r.) che hanno messo in piedi questo piccolo ristorante informale, fresco e democratico nel voler dare tanto con una fascia prezzo media.

Via Giovanni Rasori 12, Milano
Sito web

Potrebbero Interessarti

Stay for breakfast

Tutti abbiamo un rituale mattutino, ricco di dettagli e differenze. Il libro edito da Gestalten presenta idee di colazione per un mix di occasioni.

MAGICA PARIGI

POSTI E CONSIGLI IMPRESCINDIBILI CON CUI VIVERE E GODERE UN (LUNGO) WEEK-END NELLA VILLE LUMIÈRE.

Ultimi Articoli

FASHION

I teli da mare Tucca non temono il vento

Design e funzionalità per colorare le tue giornate in spiaggia

FASHION

Branta, la capsule collection di Canada Goose

5 capi capi che esplorano l’interazione tra luce, arte e funzionalità

MUSIC

Quadrilogia degli stati d’animo, il nuovo EP di Corteccia

Il nuovo EP del duo lombardo Corteccia arriva a quattro anni dal primo album e ne ridefinisce l’immaginario sonoro e visivo.

Top