The Opposite

Passione e logica, arte e scienza, rigore e improvvisazione, artificio e natura. Può essere sconcertante come dalla simbiosi di concetti antitetici, storicamente concepiti come alternativi, belligeranti e contraddittori, possano nascere […]

Passione e logica, arte e scienza, rigore e improvvisazione, artificio e natura. Può essere sconcertante come dalla simbiosi di concetti antitetici, storicamente concepiti come alternativi, belligeranti e contraddittori, possano nascere percorsi creativi di grande potenza, concettualmente innovativi, emotivamente sconvolgenti. Nella esposizione “The Opposite” l’architetto e designer Romolo Stanco presenterà, insieme al collettivo romano Paula Design, un racconto fatto di paradossi, di ossimori e di contrappunti stilistici, attraverso oggetti sospesi tra passato e futuro, tra realtà ed apparenza, incastrati in un tempo liminale, nel quale la contraddizione è parte integrante del mondo. Ricontestualizzando un tema sviluppato da Elio Franzini nel saggio – dal titolo volutamente ossimorico – “Le Ragioni delle passioni”, ovvero il tentativo di non contrapporre ragione e passione come se fossero completamente distinte, “The Opposite” presenta oggetti che tentano di conciliare ambiti apparentemente antitetici attraverso una interazione diretta con l’utente, con l’ambiente e la cultura contemporanea, con l’azione d’uso esaltata da una potente valenza di espressione emotiva.  Ragione e Passione, natura e artificio1, arte e scienza in realtà appartengono a due mondi in continua collaborazione. La passionalità si rivela essenziale nella stessa scienza, perché indica quello che è il rapporto originario con il mondo: un vivere nel mondo non secondo ragione, ma attraverso un corpo, una sensibilità e un sentire,  Così tecnologie sperimentali e sensibilità poetica, gesti quotidiani ed espressività artistica, emozioni magiche e concretezza scientifica confondono i loro tradizionali confini in un campo di interazione fluido e dinamico, come in una composizione jazz, senza il timore (anzi con l’orgoglio) della contraddizione.  “The Opposite” sarà ospitata nel suggestivo Spazio Mo.C.A – diretto dall’architetto Cinzia Bonamoneta – un’ex falegniameria del ‘400 in Rione Monti, quartiere tra l’altro da sempre di richiamo per le realtà artistiche del panorama italiano.

Gallery info:
Mo.C.A. Spazio culturale
Direzione: Cinzia Bonamoneta
Roma – Piazza Degli Zingari 1 (00184)
+39 064742764 (tel), +39 064742764 (fax)
moca@mocaroma.it // www.mocaroma.it

Angelo Superti

Editor in chief e fondatore di Polkadot. Curioso e appassionato, da sempre spett-attore dell'eterno duello tra razionalità e creatività, tra idee e limiti di tempo. Non inizia la giornata senza un cappuccino, non la termina senza un'occhiata ai suoi feed rss.

Potrebbero Interessarti

MusicaXAdulti

MusixaXAdulti è un esperimento di post-clubbing curato dalla crew milanese Inciso. Una volta ogni due mesi, fino ad Aprile, il Tunnel Club ospiterà una vera e propria esperienza che trascende […]

Torna Fuck Normality Festival

Il bellissimo Sudestudio di Guagnano, una location immersa fra gli ulivi della campagna salentina, si prepara ad ospitare la sesta edizione di Fuck Normality Festival, l’evento dedicato alla musica e […]

NeXTones: il festival in una cava storica del Piemonte

NeXTones è sicuramente uno degli eventi più affascinanti del panorama musicale italiano, e il merito non è solo di una location meravigliosa e suggestiva, ma anche di una direzione artistica […]

Ultimi Articoli

ARTS

Citazioni pratiche – Fornasetti a Palazzo Altemps

In scena le incursioni artistiche di Piero e Barnaba Fornasetti tra i cortili e le sale del Museo di Palazzo Altemps

ADVERTISING

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

BAGS

Eastpak presenta i nuovi prodotti per il prossimo Autunno

Novità e collaborazioni presentate al Pitti Uomo 18.

Top