The Brandery Barcelona

Giunta alla sua quarta edizione, The brandery, la fiera di moda nata a Barcellona per colmare il vuoto lasciato dalla Bread&Butter, ritornata definitivamente in patria, a Berlino, si è conlusa […]

Giunta alla sua quarta edizione, The brandery, la fiera di moda nata a Barcellona per colmare il vuoto lasciato dalla Bread&Butter, ritornata definitivamente in patria, a Berlino, si è conlusa ieri.

Chances for changes, il claim di quest’anno: esposizioni, sfilate, conferenze, workshop, incontri, concorsi e tantissime altre attività attorno a quest’interessante evento. 147 sono i brand che hanno partecipato a quest’edizione invernale, tra i quali North Sail, Little Marcel, American Vintage, Custo Barcelona, Agatha Ruiz de la Prada, Phard, Cottonfield, Lyle & Scott, Tortuga e molti altri ancora.

Polkadot ha assistito alla giornata inaugurale e ad alcune interessanti conferenze: dopo un incontro sul Social Media Marketing, una dettagliata presentazione dei nuovi trend e delle nuove tendenze per questa stagione, illustrati dalle responsabili spagnole di WGSN, leader mondiale per quanto riguarda l’analisi dei trend di moda in tutto il pianeta.

L’azienda conta con più di 250 tra cool hunter, giornalisti, specialisti ed esperti sparsi in tutto il mondo che studiano movimenti, riviste, blog, eventi, passerelle e tutto ciò che si muove nel pianeta fashion, alla ricerca delle ultime tendenze e degli stili che domineranno nelle prossime stagioni:  dal rosso alle tonalità grigie, dal look alpino alle giacche aviator con dettagli in pelo, dall’estetica patchwork ed irregolare al blanket dressing, Isabel Mesa, ci ha illustrato in maniera dettagliata cosa trionferà in questa e nella prossima stagione.

A seguire si è anche parlato di Social Shopping grazie all’incontro con la direttrice generale di Privalia Spagna e il Social Media Manager, lo stratega delle campagne, del club privato online. Curiosando tra gli stand invece, i più interessanti, quello di Bel Air, firma parisienne, con i suoi abiti, tuniche e camicie dai toni pastello, in cashmere, lana, seta, cotone e crepe, o quello dei pullover vintage di Lyle & Scott.

Tantissimi anche gli accessori, dalle coloratissime cuffie “Colour you world by Urbanz” alle scarpe Faguo, che in cinese significa Francia, “country of laws and manners”:  il brand, creato da due studenti francesi di economia nel 2009, produce sneakers e utilizza come unico canale di comunicazione Facebook. Faguo strizza l’occhio all’ecologia con il supporto a varie associazioni ambientaliste e la promessa che, “per ogni paio di scarpe vendute viene piantato un albero”.

Appuntamento a giugno, con la Summer Edition!

Potrebbero Interessarti

Parte oggi il Maker Faire Rome – The European Edition

Dal 12 al 14 ottobre Roma è al centro del dibattito sull’innovazione

Timberland UNLOCK THE CITY

Timberland lancia la sue nuova sneaker Cityroam, trait d’union fra il classico boot e i dettagli più innovativi per l’outdoor, e lo fa in grande stile lanciando il progetto Unlock the City, con un grande evento a Milano.

SPARKS, un festival “spaziale” in Puglia

Il festival pugliese compie 5 anni e si appresta a celebrare la creatività in tutte le sue forme dal 20 al 22 luglio a Putignano, a pochi chilometri da Bari.

Ultimi Articoli

DESIGN

Tediber, il comfort si ordina online

Un materasso dal prezzo competitivo e prestazioni hi-tech, in una nuova esperienza di acquisto

ARTS

Banksy ha distrutto una delle sue opere più famose

Non che ci fosse bisogno di conferme, ma l’artista (o il collettivo?) inglese ha di nuovo stupito il mondo. Come? Distruggendo una delle sue opere iconiche, non appena era stata battuta all’asta da Sotheby’s.

ARTS

ARTEPARCO

Il designer Marcantonio inaugura il progetto di arte sostenibile nei boschi del Parco Nazionale d’Abruzzo

Top