Creative Mornings Milan w/ Marco Monterzino

Per chi non le conoscesse, le Creative Mornings sono un fortunato format di evento culturale nato nel 2008 a New York dalla mente di Tina Roth Eiseinberg. Si tratta di […]

Per chi non le conoscesse, le Creative Mornings sono un fortunato format di evento culturale nato nel 2008 a New York dalla mente di Tina Roth Eiseinberg. Si tratta di conferenze del tutto informali, che si svolgono a colazione (come intuibile dal titolo), e gratuite, dall’alto profilo intellettuale, vista la caratura degli ospiti che internazionalmente vi partecipano, un nome per tutti Milton Glaser.
Questo format si è affermato rapidamente e con grande successo di pubblico e critica sicuramente perché capace di intercettare il mutamento della società verso una dimensione legata allo storytelling, e che sta influenzando anche i nuovi creativi ed imprenditori, tanto che fra i promotori delle Creative Mornings vi sono anche il fondo d’investimento Collaborative Fund, nelle persone di Craig Shapiro (presidente di GOOD Magazine), Jessica Jackley, co-fondatrice di Kiva (piattaforma per microfinanziamenti) e Rachel Botsman, autrice di “What’s Mine is Yours: The Rise of Collaborative Consumption”.

Da gennaio ha fatto capolino una novità rispetto al format precedentemente adottato: ogni mese, infatti, vedrà una tematica che sarà affrontata in tutte le Creative Mornings mondiali, ad oggi diffuse in più di quaranta Paesi.

Si è partiti col tema della felicità ed a Milano è stato ospite Cosimo Bizzarri, executive director di COLORS. A febbraio, invece, il tema sarà delicato e storicamente corrente: “Money”. A parlarne sarà Marco Monterzino, designer italiano classe ’84. Marco ha dedicato l’ultimo anno della sua vita alla riflessione, senza progettare alcun prodotto o servizio. È stata Occupy London la scintilla che ha indotto in lui la necessità di fermarsi, osservare da vicino quella realtà e cercare di trasporla in un oggetto iconico di design. Ne è nato un progetto, “The Ark of Many Voices”, che si propone di narrare, rendendo tangibili e duraturi, quelli che sono stati gli eventi del tutto transitori della protesta.

Questo oggetto sarà in anteprima nazionale proprio alla Creative Mornings, che si terrà venerdì 22 Febbraio presso la Design Library di Milano (via Savona). L’ingresso è libero, previa registrazione: http://creativemorningsmilan.eventbrite.com/. Non è necessario essere tesserati alla Design Library per entrare.

Segui Creative Mornings su Facebook e Twitter.

Ci vediamo venerdì!

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica. I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

MusicaXAdulti

MusixaXAdulti è un esperimento di post-clubbing curato dalla crew milanese Inciso. Una volta ogni due mesi, fino ad Aprile, il Tunnel Club ospiterà una vera e propria esperienza che trascende […]

Torna Fuck Normality Festival

Il bellissimo Sudestudio di Guagnano, una location immersa fra gli ulivi della campagna salentina, si prepara ad ospitare la sesta edizione di Fuck Normality Festival, l’evento dedicato alla musica e […]

NeXTones: il festival in una cava storica del Piemonte

NeXTones è sicuramente uno degli eventi più affascinanti del panorama musicale italiano, e il merito non è solo di una location meravigliosa e suggestiva, ma anche di una direzione artistica […]

Ultimi Articoli

DESIGN

Drinkinfinity, la bottiglietta d’acqua del futuro targata Pepsi

Il colosso statunitense risponde alla crisi delle bevande gassate con un superfood dedicato ai salutisti. Riuscirà a fare breccia nel nostro cuore?

ARTS

Birra Raffo e street artist: etichetta limited per la riqualificazione di Taranto

Birra Raffo si rifà il look con le nuove etichette limited edition disegnate dagli street artists Mr. Blob e Stencil Noire

ADVERTISING

DIESEL lancia il legal fake DEISEL

Mentre impazza la moda intorno ai loghi, DIESEL lancia una campagna audace destinata a far parlare di sé. Anzi, non una campagna, ma un vero e proprio brand: DEISEL.

Top