ANLT Preview: The Soft Moon, affascinanti atmosfere dark

softmoon

Roma. Maggio 2011. In un piccolo club vicino Tiburtina si esibiscono 3 baldi giovani made in USA, vestiti di nero e accompagnati da un visualizer niente male.
Torino. Febbraio 2014. The Soft Moon aprono il concerto di uno dei gruppi musicali più significativi degli anni ’80 (e non solo), i Depeche Mode.
Da allora la band capitanata da Luis Vasquez ne ha fatta di strada conquistando non solo il pubblico amante delle sonorità dark, post-punk.
Ora, ritornando in Italia in occasione di A Night Like This Festival.

Luis, tra un concerto e un altro, ci ha dedicato del tempo…

Da un piccolo club a Roma nel 2011 a supporting band dei Depeche Mode all’inizio di quest’anno, cosa ti è successo Luis durante questi anni?
Tanto è accaduto. Ricordare tutto sembra una bella impresa. Dal 2011 a Roma ho pubblicato il mio secondo album ‘Zero‘, ho collaborato con John Foxx di Ultravox, lavorato a remix per Mogwai e Trent Reznor, vissuto in luoghi diversi, e girato in tutto il mondo. Il Soft Moon hanno suonato più di 250 concerti nel 2013. Sono sempre dell’opinione di me non pensare troppo a quello che succede ma piuttosto basta andare con il flusso della vita.

Supporting band dei Depeche Mode. C’è qualcosa di speciale, di unico che si percepisce quando si suona con questa band?
Tutto il tour con loro è stato speciale per me. Ero un grande fan dei Depeche Mode ed è stato un onore condividere il palco. Ho guardato le loro perfomance ogni sera, alle volte con le lacrime agli occhi. Non potevo credere che questa esperienza stava accadendo proprio a The Soft Moon. Sembrava irreale che tutto questo sarebbe successo a me grazie a un progetto musicale iniziato nella mia camera da letto. Potrei dire che l’esperienza ha colpito anche i miei compagni di band. Sicuramente mi ha aperto gli occhi sulle possibilità per il futuro.

Ho fatto come un esperimento. Ho invitato le persone con diversi background musicali ad ascoltare la vostra musica.
Tutti si sono innamorati di voi. Come si spiega questo? Pensi che abbiamo tutti bisogno di un po ‘di cammino post punk nella nostra vita’?

Penso che la musica ha un modo di comunicare con tutti, perché è onesto. Non sto cercando di creare o essere ogni genere, voglio solo creare quello che si sente umanamente per questo molta gente si sente vicino, indipendentemente se ascoltano ad altri tipi di musica.

I visuals sembrano essere una parte importante delle vostre performance, quali inspirazioni?
E’ la musica che creo che ispira le immagini. Quando sento i suoni vedo cose nella mia testa. In principio erano più forme geometriche nella mia testa, come se dovessimo risolvere un puzzle matematico. L’evoluzione visiva è andata avanti immaginando caos e confusione. In realtà, questo è ciò che il mio cervello si sente come tutto il tempo e non si fermerà. La maggior parte dei live visuals riflettono questa sensazione.

Al momento di decidere la vostra playlist per il concerto, si decide in base al tipo di viaggio che si desidera far prendere al pubblico?
Ho sempre pensato che sia meglio decidere una volta arrivati ​​presso la venue e dopo aver sentito l’energia della folla. A volte ho anche deciso quale ordine dei brani in fase di concerto. Sono fortemente influenzato dalle emozioni e questo è il motivo per cui a volte una playlist può nascere proprio sul momento.

Sei stato in tour molto ora, quali immagini ti porterai a casa?
Questa è una domanda difficile per me. Il mio cervello è così disperso ed è difficile ricordare una cosa e rifletterci. Quello che di solito porto a casa sono sentimenti o sensazioni, piuttosto che immagini nella mia testa. Trascorriamo la maggior parte del tempo sulla strada seduti o che in un furgone. Non parlo molto e anche se sto viaggiando con un gruppo di persone posso anche sentirmi solo. Io sono l’outsider del mio progetto.

Cosa succede quando l’ispirazione di un nuovo pezzo nasce proprio in tour?
E’strano ma io non ci penso a nuovi pezzi quando sono in tour. Preferisco tenere tutto in profondità, poi lasciare tutto fuori quando è il momento di scrivere. Ho paura che mi mancherà l’opportunità di creare qualcosa di grande. La mia musica deve essere creata nello stesso momento esatto in cui ho un’idea. Un po’ come fotografia in un certo senso.

Lei è stato più volte in Italia. In/Out del nostro paese?
Mi piace molto l’Italia. I fans sono fedeli e sono diventato amico di molti di loro. Inoltre, forse non lo sai, ma ho vissuto a Venezia per quasi un anno per scrivere il nuovo album. L’Italia è diventata un luogo importante e di ispirazione per The Soft Moon nell’ultimo anno per molte ragioni.

Cosa stai ascoltando in questo momento?
Quando sto scrivendo (e attualmente sto scrivendo), io non ascolto altra musica. Il mio subconscio è come una spugna e ha un modo di essere influenzati da tutto quello che ho sentito. Mi piace tenermi il più puro possibile, in modo che quando scrivo sto esprimendo solo me.

Che dire? Affascinante come sempre.

POTREBBERO INTERESSARTI
3 Responses