Galleria Doppelgaenger

A Bari da qualche mese si respira arte contemporanea anche tra le strade del centro storico, da quando la passione di due giovani amanti dell’arte è riuscita a concretizzarsi dando […]

A Bari da qualche mese si respira arte contemporanea anche tra le strade del centro storico, da quando la passione di due giovani amanti dell’arte è riuscita a concretizzarsi dando vita alla galleria Doppelgaenger. Diversamente da quanto spesso succede in questa terra, dove chi vuole vivere d’arte è spesso costretto a partire, o a vedere le proprie idee sempre un sogno irrealizzabile. Una bella sorpresa quindi poter apprezzare arti figurative, performance e installazioni nel cuore di Bari vecchia: è Palazzo Verrone ad ospitare la galleria, un tempo casa-torre medievale e poi palazzo gentilizio rinascimentale.

500 metri quadri disposti su tre piani, un pò casa un pò luogo espositivo che offre dimora alle arti del contemporaneo, ma anche ai galleristi ( Antonella Spano e Michele Spinelli) e ad i loro artisti: il progetto Xenia mira infatti ad accogliere l’artista, durante il periodo di installazione/produzione, rendendolo così un “membro temporaneo” dello spazio artistico/abitativo. Antonella ci ha raccontato qualcosa del nuovo punto di riferimento per chi ama l’arte a Bari.

1. Come è nata Doppelgaenger, e come indirizzate le vostre diverse esperienze ad un medesimo fine?
Doppelgaenger è nata dall’incontro di due giovani innamorati dell’arte contemporanea, che hanno condiviso il grande sogno di costruire una realtà internazionale nella propria terra d’origine.
Non è difficile chiudere il cerchio delle nostre esperienze: ogni progetto, ogni persona ed ogni gioia diventa un tassello importante della storia della nostra galleria.

2. Vi confrontate con un contesto provinciale. Può “l’arte” influenzare o definire l’identità di un territorio?
L’arte può influenzare l’identità del territorio nella misura in cui riesca ad avvicinare a sé i curiosi, creando nuovi punti di vista.

Leggi il resto dell’intervista sul sito adidas originals represent – basket profi.

Angelo Superti

Editor in chief e fondatore di Polkadot. Ingegnere, curioso e appassionato, da sempre spettatore dell'eterno duello tra razionalità e creatività, tra idee e limiti di tempo. La Puglia è la sua casa.

Potrebbero Interessarti

Caleidoscopica, l’arte di Olimpia Zagnoli

Il libro accompagna l’omonima mostra personale dell’artista, curata da Melania Gazzotti, presso i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Be a rainbow maker for someone else

Meno di una settimana di tempo e la propria sede a disposizione. Questi i termini della call dedicata ai makers, lanciata da GAS sui social per supportare i talenti.

Little People Big Dreams

La collana di monografie per scoprire i sogni dei bambini che fanno di tutto per realizzarli

Ultimi Articoli

DESIGN

Design Letters, la storia dietro una semplice idea

Il sogno, diventato business, di Mette Thomsen

DESIGN

Moooi Hortensia Armchair

Nata da un progetto digitale, la nuova poltrona di Moooi è diventata reale ed è stata presentata a Milano.

KIDS

ooh noo, pensata in Europa, prodotta in Slovenia

Tradizione artigianale per una ampia collezione di giochi in legno e tessili per la casa

Top