Spencer Finch, modern lamplighter

Prima Bill Viola, poi Mario Nanni e Dan Flavin e adesso James Turrell. Tutti esposti a Villa Panza, Varese, nell’arco di un anno, ma ancor prima tutti acclamati alla Frieze […]

Prima Bill Viola, poi Mario Nanni e Dan Flavin e adesso James Turrell. Tutti esposti a Villa Panza, Varese, nell’arco di un anno, ma ancor prima tutti acclamati alla Frieze Art Fair di Londra o alla Biennale di Venezia. Chi sono? I nuovi artisti della luce, o meglio i papà delle installazioni luminose ora tanto in voga (giustamente). Tra le vittime mietute, nonché il più promettente dei loro discepoli, un certo Spencer Finch, nato a Yale (New Haven), ma laureatosi alla Rhode Island School of Design (il college di arti applicate più prestigioso d’America).

Finch, con all’attivo già 28 collettive, 12 esposizioni, 18 performance pubbliche e un’intera retrospettiva a lui dedicata dal Mass MoCA nel 2008, è da considerare uno degli artisti più interessanti del panorama contemporaneo globale. Un po’per i suoi modelli e le sue ispirazioni non soltanto artistiche (Monet e i suoi studi sulla luce naturale sicuramente, ma anche la concezione della memoria in Proust), un po’ per il suo metodo, razionale ed empirico, ed infine per le riflessioni tutte filosofiche a cui conduce.

Celebri sono le sue vetrate colorate, moderni mosaici delicatamente pastello o potentemente aranciati, scientificamente riprodotti. Ma anche i suoi tubi fluorescenti o le sue installazioni plastiche in mezzo a stanze asettiche o le sue lampadine a led sospese in ambientazioni sotterranee o in costruzione. Finch va di osservazione e colorimetro (un dispositivo in grado di catturare la temperatura della luce) eppure, senza volerlo, diventa poetico.

L’arte è tensione e riflessione sulla natura della percezione, dice alla stregua del sommo Monet.

Sarà, ma contemplare la Cattedrale di Rouen o la sua Route of Evanescence è sogno, sopra ogni altra cosa. 

Marta Milasi

Brillante, creativa, ironica (dicono). Amo scrivere racconti e sceneggiature e poi recitarle. Ho studiato per diventare un'attrice teatrale, ma preferisco il cinema. Mi piacciono le fisarmoniche, le città di mare, il giallo, disegnare col carboncino e vedere poesia dove non c'è.

One thought on “Spencer Finch, modern lamplighter”

Comments are closed.

Potrebbero Interessarti

Il mondo incantato dei vetri di Pierre Rosenberg

Un favoloso destino per una straordinaria collezione, tra Venezia e Parigi

Caleidoscopica, l’arte di Olimpia Zagnoli

Il libro accompagna l’omonima mostra personale dell’artista, curata da Melania Gazzotti, presso i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Be a rainbow maker for someone else

Meno di una settimana di tempo e la propria sede a disposizione. Questi i termini della call dedicata ai makers, lanciata da GAS sui social per supportare i talenti.

Ultimi Articoli

DESIGN

Riccio Caprese

Arte, design, e un pizzico di Capri

DESIGN

Il design scandinavo di UMAGE

Si ispirano alla natura, alle sue linee organiche, e all’armonia che si trova nei paesaggi nordici

DESIGN

Arredamento casa. I trend del 2021

Alcune idee per dare un tocco originale agli ambienti

Top