L’ARTE CONTEMPORANEA VINCE CON IL PREMIO FABBRI

Nella splendida cornice di Villa Brandolini di Pieve di Soligo

L’arte contemporanea conferma come uno dei suoi luoghi prediletti la splendida cornice di Villa Brandolini di Pieve di Soligo, dove da otto anni si svolge il Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee.

L’amena provincia di Treviso ha assistito infatti, nel corso della serata di sabato 23 novembre 2019, al vernissage della mostra collettiva curata da Carlo Sala con conseguente premiazione dei vincitori e delle menzioni speciali: una serata all’insegna di un’arte giovane, nuova, innovativa, stimolante.

Vince la settima edizione del Premio Fabbri nella sezione “Arte emergente”Amos Cappuccio (Sanremo, 1988) con il lavoro We Are In Excellent Physical and Emotional Health (2017-2019). L’opera nasce dalla lettura del romanzo di Ralph Waldo Ellison, Invisible Man”  ambientato a New York negli anni Quaranta del Novecento, dove viene messo in scena il tentativo di inseguire il sogno americano di riscossa e ricchezza mentre il destino è la relegazione ai margini della società: la stessa metaforica “invisibilità” che accomuna la comunità nera di Harlem. L’installazione composta da svariati audio, in una fusione di rumori di strada, musiche e canti tradizionali, crea una dimensione narrativa in cui lo spettatore si lascia condurre, e ne evoca una visiva in cui si è catapultati, evocando quella stessa esclusione sociale che si percepisce leggendo Ellison. 

La prima “Menzione della Giuria-Crédit Agricole FriulAdria” è stata attribuita a Martina Camani (Vicenza, 1994) per l’installazione Della totalità, realizzata attraverso una serie di applicazioni su stoffa. L’artista porta avanti una ricerca ibrida che si muove tra le arti visive e quelle performative, prendendo spunto dalla performance teatrale ANGELI – Animali dell’anima (2019). L’opera riporta le fattezze dai tratti minimali di otto animali – cervo, unicorno, pavone, tartaruga, pangolino, chiocciola, polipo e ornitorinco – che rimandano a una dimensione simbolica e archetipica che si ripresenta in modo ciclico nella storia. La seconda menzione è andata a Vincent Ceraudo (Fontainebleau, 1986) per il lavoro From there we came outside and we saw the stars (2019). Il video è una ricognizione poetica sul lavoro del grande architetto razionalista Giuseppe Terragni attraverso una persistenza dello sguardo che indaga le superfici degli edifici tra formalismo e percezione soggettiva, visione analitica e memoria. In particolare sono ripercorsi due celebri progetti, l’Asilo Sant’Elia di Como e il Danteum, un monumento irrealizzato dedicato a Dante Alighieri che avrebbe dovuto sorgere a Roma per incarnare la cultura e i valori della nazione. Il lavoro di Ceraudo si è anche aggiudicato il Premio Speciale Lago Film Fest che dedicherà un evento all’artista durante l’edizione 2020.

Vince la sezione “Fotografia contemporanea” Irene Fenara (Bologna, 1990) con una riflessione sull’influenza delle immagini all’interno della vita quotidiana: il suo Self Portrait from Surveillance Camera (2019) è stato realizzato direttamente con appostamenti dell’artista davanti alle telecamere di sorveglianza, imponendo la sua presenza e mettendo così in crisi la bipartizione di ruoli tra osservatore e osservato. 

Il collettivo Die Furlani-Gobbi Sammlung (formato da Marco Furlani e Jonathan Gobbi) si è aggiudicato la prima menzione della giuria con l’opera Sottomesso è il paesaggio (2019); l’immagine è un attraversamento dell’iconografia paesaggistica che viene “sezionata” criticamente e ricomposta attraverso una pluralità di rimandi visivi che vanno dalla pittura romantica di Caspar David Friedrich alla rappresentazione della figura dell’esploratore, dallo stereotipo turistico fino all’immaginario social. Il protagonista del lavoro assume una posa connaturata da un eccessivo pathos dove natura e artifizio si fondono fino a mettere in dubbio la nozione stessa di paesaggio.

Il lavoro Untitled (dalla serie Most Were Silent) del 2016 di Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti ha ricevuto la seconda menzione della giuria per aver saputo indagare il rapporto tra potere, geopolitica e memoria attraverso una particolare vicenda. Il ciclo fotografico è stato infatti realizzato ad Alamogordo in New Mexico, una cittadina che a prima vista appare del tutto marginale per il corso della grande storia. Vicino a quella località invece vi è una base segreta dove sono stati compiuti una serie di test che hanno dato l’avvio all’era atomica, un arco di tempo che si è dispiegato dalla seconda guerra mondiale fino al termine della guerra fredda condizionando profondamente le sorti mondiali. Anche in questo caso il paesaggio quotidiano si carica di una serie di elementi simbolici e diviene l’involontario portatore di istanze latenti che travalicano la letteralità della sua morfologia.

I vincitori hanno ricevuto un premio acquisto di 5.000 euro e i loro lavori sono entrati a far parte della collezione della Fondazione Francesco Fabbri Onlus, che li custodirà a Casa Fabbri, il centro residenziale teatro di numerosi eventi. I lavori finalisti rimarranno esposti fino al 16 dicembre nella mostra collettiva di Villa Brandolini.

Carolina Trupiano Kowalczyk

Storico dell’Arte moderna nei temi della critica, collezionismo, grafica e pittura del Settecento. Laureata presso l’Università Cà Foscari (2015) con una specializzazione sulla veduta e paesaggio, vive e lavora a Venezia, dopo anni di esperienze tra l’Italia e Parigi, presso il Musée Jacquemart-André (2012), il dipartimento di pittura del XVIII secolo del Musée du Louvre (2016), il progetto di ricerca e apprendistato al Museo Fortuny (2017), la borsa di studio presso la Bibliothèque Nationale de France (2018). Attualmente segue un progetto di ricerca su Gaspar Van Wittel, su cui ha tenuto una conferenza presso la Reggia di Caserta (gennaio 2020), una lezione all’Università di Roma La Sapienza (maggio 2020), e che sarà oggetto del Dottorato presso l’Università di Padova (ottobre 2020).
Con un occhio sempre attento al dettaglio, al bello, al particolare, che la distingue nel carattere e nei modi, affinato nelle città in cui ha vissuto, sperimentato, amato, e che vuole raccontare, condividere, e far riamare nei loro lati più affascinanti e fascinosi. Appassionata viaggiatrice e scrittrice, la sua vita si sviluppa attorno all’arte e alla bellezza, visitando mostre e collezioni private, archivi e musei, scrivendo recensioni, seguendo aste internazionali, interessandosi al design e lifestyle, temi su cui scrive nelle riviste Exibart e The Yellow Gloves Mag.


Instagram: Karolka.ina

Potrebbero Interessarti

Monkey 47 a Isola Design District

Monkey 47 celebra il design e la sostenibilità insieme a Isola Design District.

Lettera40, compri un poster e doni per le regioni colpite dal Covid-19

Lo studio Sunday Büro chiama a raccolta i maggiori illustratori italiani per una raccolta fondi.

Stay for breakfast

Tutti abbiamo un rituale mattutino, ricco di dettagli e differenze. Il libro edito da Gestalten presenta idee di colazione per un mix di occasioni.

Ultimi Articoli

DESIGN

La nostra selezione su Westwing

Complementi e arredi di design per arredare casa con stile

DESIGN

Urbanista

Design e tecnologia per gli auricolari wireless scandinavi

DESIGN

Notabag, shopper e zaino 2 in 1

Una soluzione versatile ed ecologica per portare insieme le tue cose

Top