Jeff Wall: ‘fotografo-pittore della vita moderna’ in mostra a Milano

Tra tutte le cose che ci sono da vedere e da fare a Milano, in questi giorni si è aggiunta una visita obbligatoria alla mostra inaugurata pochi giorni fa: ‘Jeff […]

Jeff-Wall-Mimic-1982-courtesy-dellartista-620x388

Tra tutte le cose che ci sono da vedere e da fare a Milano, in questi giorni si è aggiunta una visita obbligatoria alla mostra inaugurata pochi giorni fa: ‘Jeff Wall/Actuality’. I divoratori di immagini come la sottoscritta già lo conosceranno, uno dei pezzi grossi della fotografia contemporanea internazionale.
In esposizione 42 opere nelle quali ritroviamo, in pieno stile Wall, scene di vita quotidiana sapientemente ricostruite in studio, dove ogni dettaglio è curato e nulla è lasciato al caso. Una cura sofisticata nella produzione di una sola singola immagine che alle volte prevede un lavoro di giorni se non settimane, comprendendo anche alterazioni digitali.
Profondo conoscitore della storia dell’arte, Wall spesso e volentieri attinge al mondo iconico passato per citarlo e riportarlo in un contesto attuale di violenza urbana, povertà, razzismo e tensioni sociali.

3-JW-Infrontofanightclub2006_hg_temp2_s_full_l

14661-jwall

Osservando le sue immagini ci si ritrova davanti ad uno spaccato di vita quotidiana, rappresentato con precisione e profondità, proprio come si usava nell’Ottocento; tutto ciò fa’ sì che il nostro artista in questione sia stato ribattezzato “pittore della vita moderna“, così come Charles Baudelaire fece riferendosi agli artisti del suo tempo.
Frequentemente nelle immagini dell’artista non capita niente o vi è l’assenza di soggetti, suscitando interrogativi nello spettatore sul suo rapporto con la fotografia.
Un innovatore dunque, che non si preoccupa di riprodurre fedelmente la realtà che lo circonda, ma che sapientemente riproduce mondi artificiali, trattando temi attuali, innescando nuovi meccanismi nella lettura di un opera d’arte.
Altro segno distinguibile del suo lavoro sono i ‘lightbox’, che usò per primo, retroilluminando fotografie di grande formato.

6-JW-DiagonalComposition1993_hg_temp2_s_full_l

“La sua non è un’infarinatura di storia dell’arte, ma conoscenza approfondita, tanto da condividere i metodi di un pittore, con macchina fotografica e computer.” Corriere della Sera

19 marzo – 9 giugno 2013 PAC Padiglione d’Arte Contemporanea
Via Palestro 14 , Milano

Ludovica Basso aka Clorophilla

Con la macchina fotografica documento la realtà, con il collage la scompongo e con il disegno la analizzo e la faccio un po' più mia.
Pagina FB: https://www.facebook.com/ClorophillaArt
Clorophillaclorophillas@gmail.com

Potrebbero Interessarti

Banksy ha distrutto una delle sue opere più famose

Non che ci fosse bisogno di conferme, ma l’artista (o il collettivo?) inglese ha di nuovo stupito il mondo. Come? Distruggendo una delle sue opere iconiche, non appena era stata battuta all’asta da Sotheby’s.

ARTEPARCO

Il designer Marcantonio inaugura il progetto di arte sostenibile nei boschi del Parco Nazionale d’Abruzzo

Soulmates: Sven Marquardt in mostra a Milano

Dal 15 giugno al 21 luglio 2018 il buttafuori più famoso del mondo porta in mostra la sua arte, la fotografia, al Tempio del Futuro Perduto a Milano.

Ultimi Articoli

EVENTS

Parte oggi il Maker Faire Rome – The European Edition

Dal 12 al 14 ottobre Roma è al centro del dibattito sull’innovazione

DESIGN

Tediber, il comfort si ordina online

Un materasso dal prezzo competitivo e prestazioni hi-tech, in una nuova esperienza di acquisto

EVENTS

Timberland UNLOCK THE CITY

Timberland lancia la sue nuova sneaker Cityroam, trait d’union fra il classico boot e i dettagli più innovativi per l’outdoor, e lo fa in grande stile lanciando il progetto Unlock the City, con un grande evento a Milano.

Top